Archivi tag: Napoli

L’inedito/ un cenno storico dell’ 800

Il 100esimo articolo di «Archivio Casoria» è dedicato ad un documento inedito della prima metà dell’800, il primo vero proprio “cenno storico di Casoria”, proveniente dalle “carte” dei Rocco di Torrepadula. In fondo all’articolo, troverete il link per visualizzare la pubblicazione in e-book sul sito web di ricerche academia.edu. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Cultura, Politica, storia, Territorio

I Rocco/ Una famiglia di giuristi cattolici nella Napoli di metà ‘800

rocco

Si è presentato venerdì 15 aprile 2016, presso la chiesa madre del complesso cimiteriale di Casoria-Arzano-Casavatore (che ne ha promosso la pubblicazione) il saggio breve a cura di Giuseppe Pesce e Ludovico Silvestri I Rocco: Una famiglia di giuristi cattolici nella Napoli di metà ‘800, che ricostruisce l’inedita storia di un’intera generazione familiare di giuristi napoletani: i quattro fratelli Giovanni, Niccola, Gennaro e Giuseppe Rocco, che a metà dell’Ottocento diedero un contributo fondamentale alla storia del diritto, oltre i confini di Napoli e dell’Italia. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Cultura, Giustizia, Politica, storia, Territorio

Al Parlamento del 1861/ L’eclatante caso del primo deputato di Casoria

protocasoria.jpg

Il primo deputato di Casoria al primo Parlamento d’Italia fu Francesco Proto, uno dei personaggi più popolari della Napoli di metà ‘800. Meglio conosciuto col suo titolo di Duca di Maddaloni, Proto fu una delle più brillanti e controverse personalità del secolo. La sua singolarissima vicenda politica e letteraria – che ebbe risvolti nazionali ed europei – resta ancora il larga parte da riscoprire. Ma nel frattempo, può essere utile ripercorrere sinteticamente la sua breve, quanto eclatante, esperienza parlamentare come deputato di Casoria. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Politica, storia

Il cardinale Alfonso Castaldo/ Breve nota biografica nel 50esimo della morte

castaldo.jpg

Ricorre in queste settimane il cinquantesimo anniversario della morte del cardinale Alfonso Castaldo, scomparso il 3 marzo 1966, che fu arcivescovo di Napoli e vescovo di Pozzuoli – punto di riferimento importante (non solo per Napoli) fino agli anni del dopoguerra e della ricostruzione – e prima ancora preposito di San Mauro a Casoria, sua città natale. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in religione

Nel ‘600/ Zamparelli, la Collegiata di San Mauro e la prima scuola di Casoria

calasanzio

La storia sconosciuta del prete-professore che a metà del Seicento aprì la prima scuola di Casoria e gettò le basi del «Capitolo» di San Mauro. Scarsissime erano finora le notizie intorno a P. Giuseppe Zamparelli, a cui si deve – insieme al laico Ettore Palladino – la fondazione della Collegiata di San Mauro Abate in Casoria, per la cui istituzione (1702) i due benefattori lasciarono in eredità tutte le loro sostanze a metà del Seicento. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Cultura, religione, storia

Donato Ferrara, un medico casoriano a capo dell’università del Regno nel ‘600

donatoferrara

Il fisico casoriano Donato Ferrara, scomparso nel 1637, fu Priore dell’Almo Collegio dei Dottori della città di Napoli: in pratica il rettore – anzi, qualcosa di più – dell’antica università del regno. L’Almo Collegio dei dottori, infatti, oltre a conferire la laurea – il «privilegio» – che abilitava all’esercizio della professione medica in tutto il regno, era strettamente legato all’amministrazione vicereale, e svolgeva anche funzioni giudiziarie, sia in campo civile che criminale. Nel 1630, inoltre, il Ferrara compare in qualità di eletto accanto al sindaco Giovanni Pisa nella transazione con cui la pubblica amministrazione di Casoria sfuggì alla vendita feudale. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Cultura, Politica, storia

Come nacque l’ospizio marino di Posillipo di padre Ludovico da Casoria

posillipo

A Posillipo l’opera più significativa di Ludovico da Casoria, una figura fondamentale nella Napoli e nell’Italia di metà Ottocento >>> Voleva comprare Palazzo Donn’Anna, ma non riuscì a spuntarla sul prezzo. Così nel 1873 padre Ludovico da Casoria acquistò all’asta un vecchio lazzaretto, un palazzo decadente sul mare bellissimo di Posillipo: e qui dieci anni dopo, nel 1883, fondò ufficialmente l’ospizio marino. L’istituto si occupava di bambini “scrofolosi” (affetti da una forma di tubercolosi) e di vecchi pescatori, che il frate considerava “non soltanto un tema per le cartoline di Napoli pittoresca, ma una umanità tutta a sé, dipendente dai capricci del mare, e con un destino precario”. Assistenza sanitaria e previdenza sociale erano due temi sconosciuti nella Napoli e nell’Italia di metà Ottocento, per i quali padre Ludovico combatté una antesignana battaglia di diritti, prima presso i Borbone e poi col nuovo stato unitario. Ma purtroppo l’agiografia, il racconto popolare e miracolistico, a volte fa torto alla memoria di grandi personalità: ed è proprio il caso di questo geniale e straordinario francescano sepolto a Posillipo, beatificato nel 1993, che fu un vero e proprio protagonista della vita sociale e politica, napoletana e italiana, di metà Ottocento. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Cultura, Politica, religione