Archivi tag: Settecento

Nel 1730/ Il giovane Sant’Alfonso Maria de Liguori in missione a Casoria

alfonso_liguori

Ai primi del 1730, all’inizio della sua attività di evangelizzazione popolare, il giovane Sant’Alfonso Maria de Liguori tenne una missione a Casoria. Dall’1 al 12 febbraio, insieme ad altri undici sacerdoti, se ne andò infatti predicando per la strade della città, fermandosi «nelle due chiese di Santa Maria delle Grazie» (l’altra potrebbe essere quella del Carmine in piazza, o l’oratorio di Santa Maria della Pietà) per una serie di attività – meditazione, istruzione, processioni e funzioni religiose – puntualmente registrate sul Giornale delle missioni apostoliche. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Cultura, religione, storia

Nel ‘700/ La «vozzola» di Casoria nel «Galateo Napoletano»

vozzolosa

Una «vozzolosa» di Casoria – con un figlio screanzato – è la protagonista di un aneddoto del settecentesco Galateo Napoletano di Nicola Vottiero. Qualche anno dopo questa citazione letteraria, Lorenzo Giustiniani nel suo famoso Dizionario del Regno di Napoli, avrebbe ricordato che proprio le donne di Casoria, in particolare le contadine, soffrivano di gozzo (vozza, vozzola), ovvero di «un tumore cistico, che lor viene nella gola a molto deturparle». Di seguito, l’aneddoto del Galateo, portato a cattivo esempio di come non si debba corregge (correjere) gli altri, offendendoli. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Cultura, storia, Tradizioni

Casoria e la «cricca» del Settecento

vicaria

Ai primi del Settecento si consumò un duro scontro per il controllo della Universitas – il Comune – di Casoria, che finì davanti ai giudici del Tribunale della Vicaria (nella foto), e sfogliando gli atti del procedimento giudiziario, emergono gli intrecci di interesse delle famiglie che ruotavano intorno alla pubblica amministrazione dell’epoca. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Politica, storia

Il significato – non solo religioso – dell’opera casoriana di D. A. Vaccaro

mauro_gennaro33

Nei primi decenni del Settecento Casoria strinse con Napoli un rapporto molto forte , “benedetto” dai due protettori: San Mauro e San Gennaro. Non a caso, i due santi compaiono assieme nella grande tela che sovrasta l’altare maggiore di Casoria (nella foto), che ha un preciso significato, non solo religioso: doveva infatti sottolineare il peso conquistato in quegli anni dalla potente Collegiata di San Mauro non solo nel paese, ma fin nella capitale.  Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in religione, storia, Tradizioni

Il diavolo e l’acqua santa nel ‘700: il piccolo e sfortunato Tommaso Galluccio

ossesso33

La Vita di Sant’Antonino abate raccoglie una terribile storia della prima metà del Settecento che ha per protagonista un giovanissimo casoriano, ritenuto indemoniato.  La vicenda del piccolo Tommaso Galluccio fu raccolta da padre Ignazio Della Calce (1696-1768), professore di Ebraico all’Università di Napoli, che trascorse i suoi ultimi anni a Casoria.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in religione

Una banca e un teatro: il mito del Pergolesi casoriano nell’Ottocento

pergolesi

Il mito di un Pergolesi casoriano – al quale manca purtroppo ogni riscontro – fu molto forte nel Sette-Ottocento. Tanto che al famoso compositore, autore del celebre Stabat Mater, a Casoria furono dedicati una strada, ma anche una banca e addirittura un teatro (che ebbe probabilmente vita brevissima). Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Arte, Cultura, Musica

Teatro / «La Zeza di Casoria» ritrovata

zeza

La Zeza de Casoria è il titolo di una commedia della prima metà del Settecento che sembrava perduta, ma che invece è ancora possibile rintracciare. L’opera non è infatti del tutto scomparsa, ma – a mio avviso -molto più semplicemente, come spesso accadeva, subì qualche variazione e adattamento; mutando sia il titolo che genere, ma lasciando immutati alcuni caratteri fondamentali. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Arte, Cultura, Musica